Labilità

Sdraiata sulla spiaggia, addormentata.
Onda m’incoglie, scioglie i legacci del sonno.
Destami acqua fredda.
Odore di mare in un respiro profondo.
Un risveglio in istanti di vita.

Cosciente del poco trovato: refolo per respiri profondi,
l’incertezza per affanno.
Ma dalla sabbia al mercato di merci,
fermo i passi.
Vendo la mia testa al migliore offerente.
Membra senza capo mi dissolvo nell’incedere. Invisibile.

Abbandonata sul letto, dalla notte brava incosciente.
Capo per altre membra vivifico nell’incedere.
Dirigo me verso il tramonto.
Errante ho un refolo che mi spinge,
ma nel tempo una idea come guida.
Respirerò emozioni, mangerò promesse ed ancora
dormirò sulla spiaggia, mi abbandonerò sul letto.
Risvegli in istanti di vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.